Artigiani

17Mag 2017

Capita sempre più spesso che un soggetto abbini all’attività di lavoro dipendente una seconda attività autonoma con propria partita Iva. In tal caso sorge il problema a livello previdenziale se per le due le attività nasca l’obbligo da pagare due volte i contributi previdenziali.

Vediamo i vari casi e cosa ne pensa l’Inps.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

06Set 2016

L’autonoma organizzazione, presupposto impositivo dell’IRAP, non si ha in generale nelle imprese familiari qualora l’unico collaboratore svolga mansioni di segreteria ovvero generiche o meramente esecutive.

Così ha stabilito la sentenza della Corte di Cassazione n. 17429 depositata il 30/08/2016.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

12Apr 2016

Con la circolare n. 12/E dell’8 aprile 2016 l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti  interpretativi relativi a quesiti posti in occasione di eventi in videoconferenza organizzati dalla stampa specializzata.

Domanda

Gli esercizi pubblici che protraggono la loro attività oltre le ore 24, come ad esempio i bar o i ristoranti, possono stampare lo scontrino di chiusura giornaliera, anziché entro le 24 di ciascun giorno, al termine di effettivo svolgimento dell’attività, con riferimento alla data di inizio della giornata? Lo scontrino di chiusura emesso alle ore 02.00 del 10 gennaio può essere annotato come corrispettivo del 9?

Risposta
L’art. 1, comma 4, del D.P.R. 30 dicembre 1999, n. 544, dispone: “al termine di ogni giorno di attività è emesso dall’apparecchio misuratore fiscale un documento riepilogativo giornaliero degli incassi. Per gli esercizi la cui attività si protrae oltre le ore ventiquattro, il documento riepilogativo è emesso al termine dell’effettivo svolgimento dell’attività con riferimento alla data di inizio dell’evento”.
La norma in questione – dettata per gli esercenti attività di intrattenimento e spettacolo – è applicabile anche agli esercizi commerciali con attività protratta oltre la mezzanotte, con conseguente possibilità di emettere lo scontrino di chiusura giornaliera “al termine dell’effettivo svolgimento dell’attività, con riferimento alla data di inizio dell’evento (quindi anche oltre la mezzanotte)”.
Pertanto, lo scontrino di chiusura emesso alle ore 02:00 del 10 gennaio può essere annotato come corrispettivo del 9 gennaio.