PROTOCOLLO DI SANIFICAZIONE  

Nelle recenti verifiche effettuate dall’ASL viene richiesto agli esercenti l’attività di acconciatori o estetisti la redazione di un protocollo di sanificazione e sterilizzazione. Non si tratta d’altro che un riepilogo redatto in carta libera dal titolare che indica le direttive principali da seguire per ottenere la  sanificazione  e  la  sterilizzazione  dei  locali  e  degli  strumenti  utilizzati.

Le principali indicazioni sono riportate nello schema qui sotto riportato:

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE NEI NEGOZI DI ACCONCIATURA

Disinfezione delle mani

Per  la  disinfezione  delle  mani  possono  essere  utilizzate  soluzioni  acquose  di  composti iodati o clorexedina gluconato su cute già umida frizionando per 2-3 minuti e  usando uno spazzolino per le unghie. Sciacquare e asciugare con panno pulito o sterile.

Disinfezione della cute

Per la disinfezione della cute, nel caso di operazioni di manicure e pedicure, possono  essere utilizzate ad es. soluzioni composte con basi di ammonio quaternario o alcoli da  soli (citrosil alcolico incolore, bialcol, alcol denaturato al 70%).

Disinfezione degli strumenti di lavoro

Gli strumenti di lavoro dopo ogni utilizzo devono essere sottoposti alle seguenti fasi:

–          sciacquare in acqua corrente;

–          immergere  in  soluzioni  detergenti/disinfettanti  per  almeno  30  minuti  (per  alcuni  strumenti quali: forbici e tronchesi, è possibile effettuare una disinfezione superficiale  con apposito disinfettante);

–          sciacquatura finale in acqua corrente;

–          asciugatura con salviette monouso;

Riporre gli strumenti in uno degli apparecchi in uso e operare secondo le istruzioni del  costruttore dell’apparecchio:

In  caso  di  sterilizzazione  mediante  stufe  a  secco,  gli  strumenti  vengono  sottoposti  a  una temperatura di 180° per 30 minuti, oppure 170° per 60 minuti, oppure 160° per  120 minuti.

In caso di sterilizzazione in autoclave, gli strumenti vanno inseriti in apposite buste,  sigillati e riposti nella camera di sterilizzazione per un tempo pari a quanto indicato  dal costruttore dell’apparecchio. Indicare nel Protocollo i minuti, la temperatura e pressione.  Le  buste  contenente  gli  strumenti  saranno  aperte  davanti  al  cliente  al  momento dell’utilizzo;

In  caso  di  sterilizzazione  in  un  apparecchio  a  sfere  di  quarzo,  gli  strumenti  vanno  rimossi  afferrandoli  a  livello  dell’impugnatura  o  utilizzando  pinze  sterili  e  riposti  successivamente in appositi contenitori sterili, oppure in sterilizzatore raggi UV-C.

In  caso  di  disinfezione  ad  alto  livello  gli  strumenti  vanno  immersi  in  soluzione  nei  disinfettanti per periodi di tempo indicati dal produttore del disinfettante; vengono poi  estratti  con  pinze  sterili,  lavati  in  acqua  sterile  per  rimuovere  il  disinfettante,  asciugati e infine riposti in appositi contenitori sterili, oppure in sterilizzatore raggi  UV-C. Lo scopo dell’asciugatura con panni sterili è quello di eliminare tutti i residui  umidi per evitare corrosioni e macchie biancastre sugli strumenti. Il confezionamento

ha lo scopo di garantire che dopo la sterilizzazione gli strumenti mantengano lo stato  di sterilità e siano protetti da contaminazione.

Disinfezione di materiale in gomma e plastica

I materiali in gomma e plastica ( spazzole, spatole, pettini, bigodini ecc.) devono essere  sottoposti alle seguenti fasi:

–          sciacquare con acqua corrente;

–          immergere in soluzioni detergenti e disinfettanti per almeno 30 minuti;

–          sciacquatura finale in acqua corrente;

–          asciugatura con salviette monouso e riporre in un contenitore per il pulito.

Disinfezione ambiente

Pavimenti, pareti, arredi:

–          pulizia preliminare a umido o con scopa aspiratore per rimuovere lo sporco;

–          disinfezione con stracci o spugne imbevute in soluzione acquosa di aldeide formica al  5% o sali di ammonio e clorexidina o ipoclorito di sodio;

–          lasciare asciugare;

Sciacquare spesso in acqua gli stracci impiegati.

Lavelli, servizi igienici:

–          pulizia con normali detergenti.

Gli  impianti  di  trattamento  dell’aria  devono  essere  sottoposti  periodicamente  a  interventi di manutenzione.

Carrelli  e  poltrone  devono  essere  tenuti  costantemente  in  perfette  condizioni  di  pulizia; il loro lavaggio deve essere eseguito con soluzioni detergenti e disinfettanti

Abbigliamento

Durante  il  lavoro  gli  operatori  devono  indossare  sopravvesti  o  apposite  divise  preferibilmente di colore chiaro sempre in perfette condizioni di pulizia.

Durante  il  lavoro  non  devono  essere  portati  anelli,  e  si  raccomanda  anche  di  non  indossare bracciali e orologi.

Eventuali  abrasioni,  ferite  o  infezioni  alle  mani  devono  essere  curate  e  sempre  protette.

Dispositivi monouso

I  dispositivi  monouso  come  lamette,  aghi  ecc.  devono  essere  riposti  in  apposito  contenitore e conferiti a ditte autorizzate allo smaltimento, nel rispetto delle procedure  previste dalla normativa vigente.

 

Per la stesura del documento da personalizzare si prega di contattare lo Studio a mezzo mail info@studiocobelli.com o mediante numero tel.  0364456565.